ANTIFASCISMO FAZIOSO E CRETINO

20100712232211!ScimmiaSono passati gia 70 anni dalla caduta del Fascismo provocata dalla coalizione dei 5 piu potenti eserciti del mondo organizzati e sostenuti dal capitalismo sionista e laico di tutto il mondo che vedeva nelle sue idee un pericolo mortale per la propria sopravvivenza, per il proprio profitto e per il proprio sviluppo.

Eppure, da parte dell’antifascismo, si sente ancora la necessita di cercare di demolirne il ricordo infangandone vigliaccamente la storia ed avvelenando con false illazioni i suoi capi le sue gerarchie e la sua militanza.

Gia questo potrebbe essere significativo di una serie di valori che si vogliono demolire per cancellare il giudizio positivo di fondo che la pubblica opinione conserva di quel periodo della storia italiana quando si poteva essere orgogliosi di essere italiani come testimoniano i giornali internazionali dell’epoca e non ci si doveva vergognare di esserlo come accade oggi..

Le opere, le riforme, le leggi che il Fascismo ha prodotto, ma soprattutto il confronto con l’attuale disastrosa situazione causata soprattutto da una casta politica indegna nata dalla resistenza sono li a documentare le differenze  ed a denunciare le carenze, i vizi e l’insipienza di questo regime di liberta apparente e di tirannia concreta del malgoverno!

Tale sforzo mediatico non si giudica per esempio necessario per demolire il ricordo del comunismo di matrice sovietica nonostante esso sia crollato, per implosione interna dovuta a fallimento politico e sociale e senza il bisogno di un intervento degli eserciti, in tempi molto piu recenti.

Ma gia, nonostante Stalin, nonostante i 100 milioni di morti, nonostante i gulag, nonostante le repressioni dei Polacchi, degli Ungheresi e dei Cecoslovacchi sotto i cingoli dei carri armati della “grande patria Russia”, questi sono stati i complici nell’abbattere il Fascismo per cui vanno lasciati  stare in pace….!

Ed allora assistiamo sulle TV di stato a programmi pseudo storici di miserevole fattura condotti da miserabili presentatori in cui si insinuano dubbi sui finanziamenti, sulle supposte dipendenze dal capitalismo industriale ed agrario italiani, sull’opportunismo di certi gerarchi o sulle loro presunte carenze caratteriali e via spettegolando come vecchie comari o acide zitelle senza MAI entrare nel merito della sostanza, nei fatti, nelle riforme epocali, nei comportamenti personali che dicono cose opposte a quanto queste meretrici del microfono vogliono farci credere!

Ecco, a memoria degli smemorati e dei bugiardi alcune delle principali leggi e riforme che il Fascismo pose in atto e la cui natura non era certamente a favore degli interessi del capitalismo, ma bensi a quello dei lavoratori e delle loro famiglie:

1.      Assicurazione invalidità e vecchiaia,                                           R.D. n° 3184 del 30-12-1923

2.      Assicurazione contro la disoccupazione                                     R.D. n° 3158 del 30-12-1923

3.      Assistenza ospedaliera ai poveri                                                R.D. n° 2841 del 30-12-1923

4.      Tutela del lavoro di donne e fanciulli                                           R.D. n° 653 del 26-04-1923

5.      Opera Nazionale Maternità ed Infanzia ( O.N.M.I.)                     R.D. n° 2277 del 10-12-1925

6.      Carta del Lavoro ____________________________________ L                         30-04-1927

7.      Assistenza illegittimi e abbandonati o esposti                             R.D. n° 798 del 08-05 1927

8.      Assicurazione obbligatoria contro la TBC                                   R.D. n° 2055 del 27-10-1927

9.      Esenzione tributaria per le famiglie numerose                            R.D. n° 1312 del 14-05 1928

10.Assicurazione obbligatoria contro le malattie professionali        R.D. n° 928 del 13-05 1928

11.Opera Nazionale Orfani di guerra                                              R.D. n°1397 del 26-07-1929

12.Libretto di Lavoro___________________________________ RD   n° 112  del 10-01-1935

13.I.N.P.S.                                                                                       R.D. n°1827 del 04-10-1935

14.Settimana lavorativa di 40 ore                                                    R.D. n° 1768 del 29-05-1937

15.I.N.A.I.L.                                                                                     R.D. n° 264 del 23-03-1933

16.Ente Comunale di Assistenza E.C.A.                                         R.D. n°817 del 03-06-1937

17.Assegni famigliari                                                                       R.D. n° 1048 del 17-06-1937

18.Casse Rurali ed Artigiane                                                          R.D. n° 1706 del 26-08-1937

19.Patti Lateranensi                                                                                              11-02-1929

20. I.N.A.M. ( Istituto per l’Assistenza di malattia ai lavoratori)       R.D.n°138  del 11-01-1943

21.Legge Bottai sulla conservazione e contabilità dei beni artistici__Legge 1089 Giu 1939

22.Bonifiche paludi Pontine, Emilia, Sardegna, Bassa Padana, Coltano, Maremma Toscana, Sele ed appoderamento del latifondo Siciliano. Con la fondazione delle Città di Littoria, Sabaudia, Aprilia, Pomezia, Guidonia, Carbonia, Fertilia, Segezia, Alberese, Mussolinia (oggi Alborea), Tirrenia, Tor Viscosa, Arsia e Pozzo Littorio e di 64 Borghi rurali.                             1933 – 1939

23.Acquedotti  Pugliese, del Monferrato, del Perugino, del Nisseno e del Velletrano. ( DR 543 del 04-03-23) e successivi

24.Parchi nazionali del Gran Paradiso ( RDL 1584 del 03-12-22), dello Stelvio (legge 740 del 24-04-35), del’Abruzzo ( RDL 257 del 12 07-23) e del Circeo (Legge 285 del 25-01-34)

25.Istituto Autonomo Case Popolari ( legge TU con RD 1165 del 28-04-38)

26.Istituto Nazionale Case Impiegati Statali ( I.N.C.I.S.)

27.Colonie per fanciulli ( legge 2447 del 03-04-26)

28.Centrali Idroelettriche ed elettrificazione delle linee Ferroviarie

29.Riforma della Scuola “Gentile”                                                     R.D.n° 1054 del 06-05-1923

30.Opera Nazionale Dopolavoro

31.Socializzazione delle Imprese. ___ R.S.I. Dec n° 375 del 12-02-1944 e n° 861 del  12-10-1944                                 

Perche le suddette meretrici del microfono non contestano queste leggi e queste riforme o non denunciano che per la prima volta i figli degli operai e dei contadini poterono andare al mare o in montagna nelle colonie della GIL..??!

Non lo fanno perche´ la loro acida acrimonia non puo´ reggere il confronto con quelle realta´ ed allora non resta loro che la calunnia, il pettegolezzo e la menzogna, fiduciosi nel detto: “ calunnia, calunnia, qualche cosa restera´”..

Sono comunque destinati al fallimento in quanto la storia, quella vera, quella che si scrive nei secoli successivi ai fatti, non tiene conto delle opinioni, non tiene conto dei pregiudizi, non tiene conto dei falsi scopi, ma si basa sui fatti e sulle cose e questi non potranno che dare torto a questo antifascismo di convenienza e ragione a quella che fu la piu´grande rivoluzione sociale italiana degli ultimi secoli!

 

 

Alessandro Mezzano

 

ANTIFASCISMO FAZIOSO E CRETINOultima modifica: 2014-11-18T05:35:38+01:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento